Hotel a Salamanca

Salamanca

Home / Hotel / Spagna / Salamanca

Vincci offre soltanto hotel da 4 e 5 stelle in Salamanca

Vincci Ciudad de Salamanca

Avda de La Salle 16-20, 37008 Salamanca
T. +34 923 190 616

Un hotel moderno e unico, di fronte al Palazzo dei Congressi di Salamanca.

Info su Salamanca

Info su Salamanca

In periferia del fiume Tormes, e dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1985, Salamanca è una delle città più belle e incantevoli di tutta la Spagna.

Con uno splendido patrimonio artistico e architettonico, la lista dei suoi monumenti, delle case e dei palazzi da vedere che, anche se non si ha molto tempo a disposizione visitarli tutti, vi impressionerà a prima vista solo grazie ad una semplice passeggiata attraverso le sue strade. Godetevi ogni angolo di ciascuna delle sue strade e, se potete, fatelo al tramonto, quando il sole si riflette nella pietra di Villamayor, di cui sono fatti gli edifici, e trasforma Salamanca in una città d'oro.

Ulteriori informazioni

La sua università, la prima fondata in tutta la Spagna e una delle più antiche d'Europa, ha visto passare nei suoi corridoio alcuni dei personaggi più illustri della filosofia e della letteratura spagnola, e ha trasformato Salamanca in una città giovane, dinamica e aperta al mondo, nella quale il turista si sentirà come a casa propria.

La gastronomia e le tapas sono segni distintivi di Salamanca. Facendo una passeggiata per la Plaza Mayor e dintorni oppure recandosi in calle Zamora, Toro, Clavel, San Pablo o San Justo potrete assaggiare alcune delle sue specialità culinarie come gli embutidos de Guijuelo, il picadillo o l'hornazo. Infine, se desiderate acquistare un souvenir, l'argento e i gioielli sono molto tipici della zona, per acquistare i quali basta andare nelle vie del quartiere universitario, calle Rua Mayor o calle Compañía.

GIRO TURISTICO

PLAZA MAYOR
Esempio di piazza barocca, fu costruita nel XVIII secolo sull'antica Plaza de San Martin, centro della vita commerciale e sociale della città. I lavori cominciarono nel 1729 per mano di Alberto Churringuera, che costruì il padiglione Reale e il padiglione di San Martin. In una seconda fase, sotto la supervisione di Andrés García de Quiñónes, venne costruito il resto della piazza, che fu terminata nel 1755. Di forma quasi quadrata, è chiusa e porticata, e forma dei grandi archi sopra le porte, che danno accesso alle vie che vi confluiscono.
Uniforme e omogenea, è l'edificio del Municipio l'unico a distinguersi dagli altri per altezza e stile, mostrando una decorazione più intensa e una certa aria rococò francese. Spiccano, nel suo complesso, i medaglioni che furono concepiti come un ripasso storico attraverso i suoi Re, Santi, Eroi... Ogni 15 agosto, nel municipio viene collocata un'asta con la bandiera spagnola e la figura di un toro, che ha il nome di "Mariseca", per segnalare la prossimità delle feste.

CASA DE LAS CONCHAS
E' una delle case più famose e curiose di Salamanca. Di stile tardo gotico, con elementi platereschi, fu costruita in occasione del matrimonio tra Don Rodrigo Arias Maldonado e Donna María de Pimentel. La sua facciata è decorata con oltre 300 conchiglie e fiori di giglio, simboli di entrambe le famiglie. Gli interni sorprendono per la bellezza del suo cortile interno, in cui si mischiano magistralmente elementi medievali, rinascimentali e mudejar, e per la sua spettacolare rampa di scale. Altrettanto interessante sono le carceri, considerate come il miglior esempio della foggiatura gotica spagnola. Oggi sono una biblioteca pubblica.

  • Indirizzo: c/ Compañía, 2
  • Orari: Dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 21. Dalle 10 alle 14 e dalle 16 alle 19. Sabato dalle 10 alle 14, e dalle 16 alle 19. Domenica e festivi.
  • Prezzo: Ingresso gratuito

CATTEDRALI
Salamanca possiede due cattedrali; la vecchia, in stile romano, risale al secolo XII, e la nuova, più grande, i cui lavori di costruzione iniziarono nel secolo XVI e terminarono nel XVIII secolo. Entrambe si trovano nella piccola plaza de Patio Chico, un bell'angolo della città, sebbene poco conosciuto, dal quale di gode di una bellissima veduta del campanile romanico della cattedrale vecchia.

La cattedrale nuova, a forma di basilica, è in stile gotico, ma al suo interno convergono dettagli barocchi, platereschi e neoclassici. All'interno, impressiona per le sue dimensioni e per la sua altezza. Le tre volte sono ricoperte di innervature e cupole a stella, mentre il tamburo è decorato con scene marine. Risaltano la Cappella dorata, con la sua sacrestia e il coro, e la Cappella del Santo Cristo de las Batallas, con un immagine di Gesù che si dice accompagnava i guerrieri nelle loro battaglie. Il coro barocco, intagliato in legno di noce e organizzato su due livelli è una vera meraviglia.

La Cattedrale vecchia, sebbene risalga all'epoca romana, presenta degli interni molto alti e luminosi. La forma è a croce latina con tre navate, tre absidi semicircolari ed un transetto pronunciato ne segnano profondamente la struttura. Colonne riccamente decorate, un retablo originale e una scultura lignea della Vergine de la Vega, patrona di Salamanca, considerata uno dei più begli esempi dello stile medievale, sono altri dettagli da osservare. Tuttavia, se c'è un particolare famoso in questa cattedrale, quello è di certo la Torre del Gallo, considerata come una delle opere principali dello stile romanico, coronata con una struttura piramidale e decorata con squame e foglie, che denotano una certa influenza orientale.

  • Indirizzo: C/ Cardenal Pla y Deniel s/n
  • Orari: Estate: Cattedrale nuova dalle 9 alle 20/ Cattedrale Vecchia dalle 10 alle 19.30 Inverno: Cattedrale Nuova: Dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 18./ Cattedrale Vecchia dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 17.30.
  • Prezzi: Cattedrale Nuova: gratuito/ Cattedrale Vecchia e Museo: 4,25€/ 3,50€

UNIVERSITA'
L'attuale edificio fu costruito nella prima meta del secolo XVI e la sua facciata in stile plateresco è una delle più importanti di questo stile di tutta la Spagna. Suddivisa in tre edifici, rappresenta un vero e proprio capolavoro. Nel primo edificio vi sono i Reali Cattolici, sotto la cui tutela divenne un'università statale. Nel secondo edificio ci sono Carlo V e Isabella del Portogallo, reali governanti quando fu costruita la facciata, mentre nel terzo gruppo appaiono le figure del Papa e di Trajano, Augusto, Alessandro Magno, Ercole e Venere, che rappresentano la temperanza, la prudenza, la forza e la giustizia, tutte le virtù di un buon imperatore.
Infine, c'è la famosa rana che dovrà cercare per assicurarsi l'aiuto della sorte. Gli studenti la cercano sempre prima dei loro esami. Molto curiosi sono anche i "vítores" che potrete vedere dipinti in quasi tutti gli edifici universitari, che anticamente si scrivevano con sangue di toro e simbolizzano la vittoria dei laureati sui libri.

  • Indirizzo: Patio Escuelas, 1

BREVE SOSTA

NOVELTY
Avvicinatevi a questo caffè, nel quale Torrente Ballester scrisse parte delle sue novelle. Al suo interno, una statua a grandezza naturale rende omaggio al poeta.
Plaza Mayor Nº 2

LA GROTTA DI SALAMANCA
In realtà è la sagrestia di una chiesa e si dice che il diavolo vi impartisse delle lezioni. Sebbene la maggior parte delle visite avvengono di giorno, vale la pena godersi il gioco di luce e la proiezione audiovisiva che avviene di sera. Sarete sommersi da un mondo di magia.
Cuesta de Carvajal

CASA LIS
Prezioso palazzetto modernista del 1905, che ospita una collezione di art nouveau e art déco molto interessante.
C/ Gibraltar, 14

ORTO DI CALLISTO E MELIBEA
Molto vicino alla cattedrale, molti dicono che qui si trovi la trama della novella "La Celestina", scritta da Fernando de Rojas.